Meta e Data: Pizzo Ragno  10 Ottobre 2015
Quota partenza(m): 1076 Quota Arrivo(m): 2289 Dislivello(m): 1400 Difficoltà: E
Partenza da: Patqueso.Autostrada A26 -poi superstrada verso Domodossola-Val Vigezzo-Malesco-Val Loana-Loc.Patqueso. Parcheggi limitati e gratuiti sulla strada.
Breve descrizione: Le previsioni meteo in settimana ballano un po ma x sabato il sole pare essere più probabile a Ovest. La Val Vigezzo d'autunno offre il meglio di sè con i suoi bei boschi e al Pizzo Ragno non siamo mai saliti. Sabato mattina a Gallarate è tutto nuvolo e una leggera pioggerella ci da il ben svegliati! Ma siamo fiduciosi! E allora con Suni e con gli amici che oggi abbandonano l'amato lago e non hanno paura di farsi pungere dal ragno andiamo in Val Loana dove invece ci aspetta una bella giornata autunnale di sole e di cielo limpido! Partiamo un po indecisi sul sentiero da seguire con il GPS che resta muto ma la direzione è chiara e allora saliamo verso i vari alpeggi senza incontrare mai nessuno immersi nella pace e nei fantastici colori autunnali. Passiamo un bellissimo bosco di faggi e poi per il Rifugio Al Cedo, dove andiamo a sx e attraversiamo il torrente abbassandoci in una bella gola. Sbuchiamo ora nei pressi dell'alpe Al Geccio e seguendo la via normale per ampi pratoni ci avviciniamo al Pizzo Ragno che ora ben si vede e che resterà sempre immerso nel blu. In breve con bel traverso saliamo sulla cresta e sbuchiamo in vetta dove il panorama è molto bello e spazia a 360°. E' anche presto e possiamo fare una prolungata sosta con pranzo in vetta in totale relax. Suni bella pimpante è salita senza problemi e a stento si convince a farsi un riposino mentre noi ammiriamo le belle vette della Val Grande, il Lago Maggiore, le cime sul confine svizzero,etc. Mentre pranziamo sbuca a sorpresa in vetta un allegro e ironico "vecchietto" che è salito solo da Orcesco lungo la più impegnativa cresta. Si proclama un po stanco e dice che è l'ultima volta che salirà al Pizzo Ragno. Viene l'ora di scendere e a malincuore lasciamo la vetta e il nostro anziano amico di giornata per cui siamo in attimo in apprensione. In realtà scendendo sarò proprio io che metterò in malo modo il piede in un avvallamento del terreno procurandomi una leggera storta !! In ogni caso poca cosa anche se devo rallentare un po e stare attento a come appoggio il piede nella lunga discesa. Tornati sulla strada richiamo Suni all'ordine per la presenza di qualche auto e il rieccheggiare di "Suni" forse attira l'attenzione di Froloccone e Poncione che casualmente passano da li. E' l'occasione per fare conoscenza e concludere nel modo migliore questa bella escursione autunnale che ci ha regalato belle sensazioni! Un grazie agli amici per la bella e piacevole giornata passata in montagna; un grazie a Suni come sempre perfetta compagna di escursione.