Meta e Data: Lago Panelatte e Tour Bocchette 15 Ottobre 2010
Quota partenza(m): 1247 Quota Arrivo(m): 2063 Dislivello(m): 816 Difficoltà: E
Partenza da: Arvogno. Percorrere la A26 sino a Gravellona Toce, proseguire sulla S.S. 33 del Sempione sino all’uscita di Masera, salire per la SS 337 della Valle Vigezzo fino a S. Maria Maggiore, superato l’abitato, andare verso Craveggia e poi verso Toceno. Prima di arrivare a Toceno indicazioni boco visibili sulla destra segnalano la strada per Arvogno, dove si arriva dopo pochi chilometri.
Breve descrizione: Oggi splende un bel sole autunnale e la giornata si presenta limpida. Trovare Arvogno non è stato facilissimo ma alla fine attorno alle 9.30 io e Suni siamo già pronti per l'escursione in Val Vigezzo che prevede un percorso ad anello che ci farà visitare alcuni dei posti più belli e suggestivi di questa valle. Dopo un breve tratto di strada asfaltata, superato il ponte sul torrente Melezzo, prendiamo la mulattiera che ci porterà al Passo di Fantanalba. La mulattiera è ben tenuta e costituita da un numero infinito di gradini  (circa 2000 ) che salgono regolari in bei boschi di faggi, pini, larici che hanno già messo il vestito autunnale. In breve siamo all'Alpe Verzasco(1333m ) e poi alla diroccata Alpe Villasco(1642m). Il sentiero è ben segnato e così senza problemi prendiamo la direzione per l'Alpe Motti. Ormai usciti dal bosco il panorama si fà sempre più aperto e bello. A sinistra appare l'imponente Pioda di Crana, davanti a noi il Passo di Fontanalba, a destra il Pizzo Ruggia e le Schegge di Muino. Oggi il sole è splendido e non sembra nemmeno Ottobre!. Inoltre non c'è anima viva e tutta la montagna è solo per me è Suni! Arriviamo all'Alpe Motti(1810m) dove facciamo una breve sosta per ammirare la Pioda di Crana e fare qualche foto. Poi via verso la Capella di San Pantaleone(2024 m) che si vede in lontananza e che raggiungiamo senza problema. Un rapido sguardo ai cartelli e seguiamo le indicazioni per l'ormai vicino Lago di Panelatte che appare dopo circa 15 minuti. Il lago di Panelatte (2063m) è incantevole, ancora di più se osservato da più in alto! Saliamo su una ripida pietraia che sovrasta il lago e la vista è semplicemente ..splendida! Facciamo la sosta pranzo poco distante dalla riva del lago e poi torniamo al Passo di Fantanalba dove per preseguire nell'anello seguiamo il sentiero per la Bocchetta di Ruggia che prosegue in mezza costa sotto le pendici del Pizzo di Fontanalba e poi sotto quelle del Pizzo Ruggia. Un ultima salita e la Bocchetta di Ruggia (1990m) è raggiunta! La vista dalla bocchetta verso l'Ape Ruggia ,il Pizzo Ruggia,la Piada è notevole!. Scendiamo al'Alpe Ruggia e poi via verso la Bocchetta di Muino facendo una sosta ai laghetti di Muino. La salita alla Bocchetta di Muino (1977 m) è l'ultima della giornata ed è subito fatta!. Ora si vede la Piana di Vigezzo con l'arrivo degli impianti verso cui ci dirigiamo.  Prendiamo a destra la careggiata che scende verso Arvogno che percorre la ripidissima pista di sci. Ma ecco comparire....un bel gruppo di camosci. Blocco Suni che vorrebbe subito rincorrerli e li seguiamo per fare qualche foto da più vicino prima che fuggano nel bosco! Ma scendi,scendi lungo la pista dove sarà mai finito il sentiero?! Vedo un sentiero a destra che entra deciso nel bosco ma non vedo l'indicazione su un albero e finiamo giù nel bosco perdendo il sentiero! Questa è bella...! Risaliamo e senza perdere la calma vediamo il segno sull'albero che indica la via da seguire!. Ora seguiamo il sentiero che ripido e scivoloso si addentra nel bosco ma che diversamente dalle nostre intenzioni ci porta ad attraversare la valle e tornare verso il versante salito al mattino! Speriamo bene... Attraversiamo boschi e ruscelli con splendide viste sulla valle e arriviamo all'Alpe Sdun (1465m) da cui seguiamo le indicazione per l'Alpe Cortina e poi di nuovo all'Alpe Verzasco e finalmente ad Arvogno.  Un'altra fantastica giornata in montagna , in una valle bella e verdissima, in totale solitudine volge al termine e sicuramente contenti e soddisfatti ci avviamo verso casa.