Meta e Data: Rifugio Pietro Crosta all'Alpe Solcio  14 Gennaio 2011
Quota partenza(m): 937 Quota Arrivo(m): 1751 Dislivello(m): 851 Difficoltà: E
Partenza da: Maulone. Percorrere autostrada A26 sino a Gravellona Toce, seguire la statale del Sempione sino all’uscita per Varzo. Seguire le indicazioni per S.Domenico e  raggiunto Maulone di sotto poco dopo sulla destra si innalza una strada chiusa al traffico con chiare indicazione Alpe Solcio Rifugio Crosta. Parcheggiare subito dopo a destra nel piccolo spiazzo.
Breve descrizione: Partiamo da casa con fitta nebbia che non ci abbandona per tutta la strada. Il panorama dalla valle sulle montagne del VCO oggi sembra precluso ma salendo verso S.Domenico la nebbia sparisce e una bella giornata di sole sembra essere assicurata. Arrivati  a Maulone nessuna macchina nel parcheggio, facciamo i preparativi e con Suni partiamo. Inizialmente niente neve del tutto, poi poca neve e molto ghiaccio che mi costringe a procedere con attenzione. Beh, Suni con 4 zampe motrici non ha problemi anzi la devo richiamare all'ordine perchè fiuta odori e vuole andare nel bosco! Arriviamo all'alpe Ple (m. 1.111) e poi all'Alpe Salera (m. 1203). Qui si apre un bellissimo panorama e scattiamo un po di foto. Nessuno sul percorso e così arriviamo all'Alpe Calantiggine  che visitiamo,scambiando 4 chiacchere con il padrone di una baita e Suni con il suo cane gigante. Proseguiamo per Astolo con più neve da calpestare sotto le ciaspole e a Astolo facciamo una ulteriore breve soste tra le baite. Poi via fino a Solcio e al Rifugio Crosta dove incontriamo Marina e Enrico. Arriva poco dopo Luigi, l'unico altro escursionista al Solcio oggi. Enrico ci mostra la sua ultima invenzione, ovvero un carrello per battere la traccia che funziona meglio del gatto e poi la sua supermoto con cingoli chiodati. Il pranzo oggi 14 Gennaio, vista la temperatura supermite e il sole si fa all'esterno del rifugio  come fosse primavera! Appena pronti tutti insieme (Marina, Enrico,Luigi, la nuova aiuto rifugista, io e pure Suni) pranziamo in allegria e in ottima compagnia. Il tempo passa veloce e alle 14:00 dopo i saluti e su suggerimento di Enrico e Marina io e Luigi decidiamo di fare un giro verso l'Alpe Coatè per poi ritornare all'Alpe Calantiggine. Qui le ciaspole finalmente fanno il loro lavoro in un sentiero splendido nel bosco con bei panorami e ancora un bel sole! Ho cosi modo di fare conoscenza con il simpatico Luigi che è di Varzo e fa il cuoco. La discesa  diventa piacevole e va via veloce fino ad arrivare a Maulonedove  a sole ormai tramontato. Non ci resta che salutarci e via per un rapido ( si fa per dire con la nebbia!) ritorno verso casa.
Grazie a Marina e Enrico per l'ospitalità e a Luigi per la compagnia ! Una bella giornata da incorniciare è ormai passata ma non svanirà certo nei mie ricordi!