Meta e Data: Punta Rossa della Grivola 18 Agosto 2012
Quota partenza(m): 1534 Quota Arrivo(m): 3630 Dislivello(m): 2182(S)/2033(D) Difficoltà: EE
Partenza da: Cogne. Autostrada A4 Milano/Torino, A5 verso Aosta,uscire dall'autostrada ad Aosta ovest e proseguire sulla statale direzione Courmayer fino a trovare le indicazioni per Cogne.Risalire tutta la valle e parcheggiare poco fuori l'abitato di Cogne in parcheggio gratuito nei pressi del cimitero.
Breve descrizione: Max, propugnatore ed organizzatore di questa splendida escursione, ne parlava almeno dallo scorso anno di salire in giornata la Rossa della Grivola partendo da Cogne, oltretutto con giro ad anello. Una piccola impresa, considerando la massima quota mai raggiunta, il dislivello oltre i 2000 metri e il viaggio andata e ritorno, ben oltre i 400 Km. Oggi le condizioni meteo sono perfette con 3 palle di sole, zero termico oltre 4.500 metri e assenza di venti. Suni oggi è con grande rammarico assente perchè nel Parco del Gran Paradiso non possono circolare i cani, peccato ma le regole sono regole. Ritrovo a Saronno alle 4.00 e alle 07.00 siamo pronti per partire dal posteggio gratuito di Cogne. Attraversiamo i prati di Sant'Orso tramite la stradina che porta a Buttier, dove, confortati dalla traccia Gps del Galaxy e anche dalla segnaletica, iniziamo la risalita vera e propria alle 07.15 circa. Dopo un primo tratto abbastanza ripido iniziamo un lungo taglio che ci porta alle baite dell'Alpe Les Ors,svoltiamo a sx. e saliamo sino ad arrivare al Casotto del Pousset ( 2.286 m.) del Parco, ultimo punto per rifornimento acqua. Qui vi è l'unico momento di incertezza, in quanto giriamo subito a sx., ma dopo poche decine di metri il Galaxy ci fa capire che sbagliamo. Così prendiamo l'altro sentiero marcato (n°26) che gira sì a sinistra ma dopo avere superato il Casotto. Dopo avere perso alcuni metri di quota attraversiamo un rio ed entriamo nel vallone di Pousset, che risaliamo per intero su sentiero sempre evidente e comunque marcato quando, avvicinandosi ai tremila metri, incominciamo ad incontrare alcune pietraie. Così arriviamo al Bivacco Gratton, posto al Col Pousset, da dove già la vista è notevolissima, con il Cervino, il Rosa, il Gran Paradiso e la Grivola, dalla quale siamo separati solo dal crepacciato ghiacciaio del Trajoz. Sin qui siamo arrivati oltre 3.200 m. su sentiero molto semplice. Ora si deve di risalire su cammino libero l’erta pietrosa che si trova alle spalle del bivacco; forse a sx. vi è uno pseudo sentierino indicato da qualche ometto, ma io risalgo partendo tutto a dx., e poi su suggerimento di Ivan mi sposto verso il centro. Occorre un po di attenzione per risalire l'ertra pietraia in qualche punto leggermente instabile ma arrivo al pianora sovrastante senza particolari problemi. Max ed Alberto si fermano a scambiare due chiacchiere con altre persone sopraggiunte nel frattempo al bivacco, per cui li attendiamo una decina di minuti a quota 3400 m. circa, al termine del tratto più ripido della pietraia. Ora il panorama si è aperto anche al Monte Bianco, appena a NE della Grivola. Proseguiamo brevemente quasi in piano su pietraia e ci ricolleghiamo col sentiero che sale dal Colle della Rossa; vi sono giusto un paio di punti dove avere un minimo di attenzione su lastre senza appigli per evitare di finire a gambe all’aria sul sottostante ghiacciaio (come ha rischiato seriamente di fare al ritorno un escursionista !! Attenzione!), ma alle 13.00 io e Ivan siamo in vetta senza alcun problema, con Max ed Alberto che arrivano poco dopo. La soddisfazione è notevole; pranzo molto spartano rispetto alle ns. usanze e senza alcolici (una rarità), foto a 360° e poi via per il rientro, che avverrà verso Valnontey. Così, sempre su sentiero evidente e segnato, prendiamo il lungo traverso che ci porta al Colle della Rossa, da lì perdiamo quota in modo più deciso incassandoci anche nel greto di un rio, ed arriviamo al pianoro che sovrasta il Rifugio Sella, dove arriviamo alle 16.30 circa. Una birretta dissetante e poi la discesa finale verso Valnontey, la parte forse meno bella del percorso e un po più dolorante per i miei piedi. A Valnontey per poco perdiamo il pullman gratuito delle 18.15 che ma un gentilissimo escursionista bergamasco trovato in cima si offre di darci un passaggio con la sua auto a Cogne. Così alle 19.00 siamo all’auto, 12 ore dopo la partenza. Il rientro a casa avviene quasi a mezzanotte, vista anche la pausa merenda effettuata in un locale a noi già noto poco dopo Verres. Si conclude così una grande e fantastica cavalcata con gli amici nel Parco del Gran Paradiso fino alla vetta della Punta Rossa della Grivola in una spledida giornata di agosto. Bellissime valli,panorami stupendi,una vetta super oltre i 3600m da cui in questa giornata limpida e tersa si sono potute ammirare infinite montagne! Fatica,sudore,felicità e un po di malinconia per la mancanza di Suni, fedele compagna di escursioni che oggi non ha potuto essere della partita causa divieto ingresso al Parco del Gran Paradiso per i cani!! E poi la bella compagnia degli amici con cui ho avuto il piacere di poter condividere questa vetta e questa splendida e lunga giornata nel bellissimo Vallèe!
E per finire in gloria la cavalcata quest'ultima frase: Scalare non serve a conquistare le montagne; le montagne restano immobili, siamo noi che dopo un'avventura non siamo più gli stessi. (Royal Robbins)

Percorso: Km 20-Cogne m. 1534 - les Ors m.1944 - Vallone del Pousset - Pousset inferiore m. 2176 - cap. PNGP (Parco Nazionale Gran Paradiso: fontana) casotto del Pousset m. 2286 - Pousset superiore m. 2529 (al vicino ruscello ultima possibilità di rifornimento acqua) - Col di Pousset m. 3198 (bivacco Gratton) - Punta Rossa m. 3630 - Col de la Rousse m. 3193 - Rifugio Vittorio Sella m. 2584 - Valnontey m. 1666