Meta e Data: Monte Ventolaro  22 Maggio 2015
Quota partenza(m): 622 Quota Arrivo(m): 1835 Dislivello(m): 1220 Difficoltà: E
Partenza da: Scopa. A26 uscita Romagnano Sesia, seguire per Varallo poi proseguire per Alagna fino a Scopa dove si parcheggia di fianco al Municipio.Parcheggio grautito,
Breve descrizione: Oggi in solitaria con Suni salgo al Monte Ventolaro da Scopa. Davanti al municipio attraversando la strada parte il sentiero 26 che ci porterà a destinazione. La bella mulatteria sale comoda nel bel bosco di castagni e ci porta al Pian del Sasso(m 935) , un posto bellissimo con una cappella con affreschi cinquecenteschi raffiguranti la Madonna con in braccio il Bambino. Saliamo ora in un bosco di faggi incontrando vari alpeggi (Ca di Cappello, Ca del Vaga, Ca d'Elena) e poi l'alpe Piana di Baggio con costruzioni recenti che sono vere e proprie ville!. Dall'ampio prato tenendo la sx si ritrova il sentiero 26  che risale nel bosco , oltrepassa il bivio x Frasso e incrocia la strada . Poi subito riprende e porta all'Alpe Ticcarello, Alpe Giavine e passa vicino all'Alpe Scotto. Qui andiamo all'Alpe Casere e poi ci riportiamo verso la Bocchetta di Scotto salendo sulla cresta. Ora basta risalire tutta la cresta per arrivare in vetta al Monte Ventolaro(1835m). Per tutto il percorso e per tutta la giornata siamo soli nel perfetto silenzio. La vetta è tutta per noi e il panorama sul Rosa oggi è fantastico! Restiamo in vetta più di un ora in perfetta solitudine per il pranzo e alla fine scriviamo un ricordo nel libro di vetta un po bagnato  e poi scendiamo all'Alpe Scotto per un ulteriore relax al sole. Con calma riprendiamo il sentiero e appena entrati nel bosco una brezza leggera e fresca ci accompagna e ci riporta a Scopa dove non possiamo non fare un bel giretto nel paese, tra le sue vie fino alla chiesa. Contenti della bellissima giornata di meditazione,contemplazione e silenzio non ci resta che tornare verso casa. Un Grazie a Suni perfetta compagna di escursione!

La brezza del bosco

Scendendo dalla vetta 
nel bosco incantato
si alza una brezza
fresca e leggera.
E di colpo il silenzio 
diventa rumore di frasca,
fruscio di rami,
ricordo che ritorna.
Oh dolce 
brezza del bosco,
sono appena andato via
e già tu mi riporti 
il desiderio di lei!

Gabriele