Meta e Data: Alta Luce  4 Luglio 2015
Quota partenza(m): 1626 Quota Arrivo(m): 3184 Dislivello(m): 1400 Difficoltà: E
Partenza da: Staffal. Percorrere autostrada A4 Milano-Torino in direzione Torino, poi immetersi nell'autostrada A5  per Aosta e uscire al casello di Pont-Saint-Martint e seguire le indicazioni per Gressoney fino a Staffal dove si trova ampio parcheggio davanti agli impianti .
Breve descrizione:
Il caldo torrido spinge inevitabilmente ad abbandonare vecchi amori e allora oggi lasciamo il "catino" più bello del mondo per salire di quota e cercare un po di fresco. Per far dimenticare "oratori e fratelli" all'Elefante propongo una bel tremila tranquillo e molto molto panoramico nell'amata Val d'Aosta nella Valle di Gressoney. Saliamo a Staffal e alle 8.30 circa partiamo dal parcheggio x raggiungere la parte superiore del piazzale e proseguire sulla strada che costeggia il torrente sulla destra e che dopo poche decine di metri diviene un comodo sentiero che sale verso le baite di Courtly per poi con un piccolo semicerchio salire nel promontorio che le sovrasta ,entrare i uno splendido bosco di conifere che con pendenza moderata ci scarica in un ampio vallone doìve la vista sul Rosa già è molto bella. Suni è pimpante e il caldo per ora è più che sopportabile, anzi alla partenza qualcuno mette pure una felpina. Costeggiando un torrentello si giunge ad un bivio ben segnalato da alcune paline (2196 m) al quale si prende il sentiero sulla destra alzandosi con alcuni tornanti che si snodano tra mirtilli e rododendri,passando dalle baite diroccate dell’alpe Salza inferiore (2332 m) per lasciarle alla sinistra e riprendere a salire sul pendio fino ad arrivare ad una dorsale erbosa che si percorre sino ad una piccola conca di erba e pietre che si attraversa alla sinistra verso una seconda dorsale erbosa. Percorsa anche questa si giunge ad un piccolo pianoro in fondo al quale si trova, leggermente spostato sulla sinistra, un grosso masso isolato con un bollo segnavia. Proseguendo al di sopra di esso, sempre su sentiero ottimamente segnato,ci si avvicina ad una pietraia sottostante l’evidente Colle Salza; salendo la pietraia si supera qualche tratto un po’ ripido e un po scivoloso e si arriva così al piccolo intaglio del Colle Salza (2887 m). Dall’insellatura si devia a sinistra per superare un po’ faticosamente un pendio che, su terreno un po’ sconnesso e rovinato dall’acqua, ci porta ad una zona di pietre rotte; tenendo la sinistra si passa davanti ad una bassa placconata di rocce rossastre per risalire, seguendo i bolli segnavia, un corto canalino pietroso. Al di sopra di questo il tracciato si snoda su terreno prevalentemente pietroso con la traccia che si alza verso un evidente bastone situato accanto ad un ometto di pietre. Da qui ci si alza verso destra sulla pietraia e, passati accanto ai ruderi del vecchio bivacco Passera, si giunge in breve alla campana situata a pochi metri dal panoramico omino di vetta. La vista salendo l'ultimo tratto per arrivare alla vetta dell'Alta Luce diventa sempre più spaziale e oggi è la giornata giusta per potercela godere !! Davvero un grandioso balcone Rosa questa Alta Luce che ci lascia tutti contenti! L'azzurro domina e ci lascia godere di questo fantastico scenario per tutta la lunga sosta pranzo, come sempre allegra e conviviale. In vetta Suni è come spesso accade l'unica cagnolina ma oggi ci sono in vetta pure una coppia di giapponesi a cui offriamo una fetta di torta! Per la discesa facciamo un giro a anello che con ampio traverso ci porta al bivio per il Rifugio Mantova e poi giù prendendola alla larga e con modeste pendenze verso il Lago di Gabiet . Giunti nella zona di arrivo degli impianti (che non fanno per nulla un bel vedere!) un sentiero (7a) a dx ci porta un modo più deciso e ripido verso Staffal per chiudere questo bellissimo anello. Ma qui si deve soffrire un po perchè la calura per essendo sopra i 2000m si fa sentire. Ma la fresca birra finale viene in aiuto per cercare di sedare il fuoco! Un grazie agli amici per la bella giornata passata tra queste bellissime montagne;un grazie a Suni oggi come sempre perfetta compagna di escursione!

Alta Luce 

Tristi ombre della sera
avvolgono tutto e
inghiottono
fameliche
sogni e delusioni.
Quassù invece regna la luce
che illumina la verità.
E allora guarda,
guarda senza paura.
Con l'alta luce vedrai
cosa è rimasto di vero 
nel profondo del tuo cuore!

Gabriele